youtube facebook flickr twitter vimeo
Home News
News
15/02/2010 - INVERNO SUL PO, UN TRIONFO ! Stampa E-mail

LE PAGELLE DELLO SCERIFFO DI NOTTINGHAM

REGATA di SABATO 13 FEBBRAIO

  1. Valle, Curatella, Ferraris, Zabert: Voto 9. Ottimo terzo posto, il quattro dell'Armida conquista il podio. Zitti, zitti senza proclami ma con grinta da vendere.
  2. Bregolin, Di Cintio, Carezzana, Valentinetti: Voto 8 1/2. Quarti in classifica assoluta, bella regata, non è il cucchiaio di legno, ma mezzo voto in meno perchè potevano arrivare nei primi tre.
  3. Orsini, Vallosio, Terzolo, Pampaloni: Voto 8. Non vorrei tralasciare gli altri tre, ma lo sanno che il "Pampa" prima della regata è andato dal massaggiatore/ trice ?   Ogni commento o battuta è ben accetta.
  4. Carlotti, Siviero, Martini, Franchini: Voto 8/9. Per la prima volta in gara si difendono alla grande. Bravissimi !
  5. Ciani M., Manzin: Voto 7+. Dopo il Siver Skiff, ci aspettavamo qualcosina in più, però dimostrano che bisogna sempre partecipare alle regate. Bravi !
  6. Brugo: Voto 10 . In coppia con Altobelli del Caprera continua a vincere . . . .creata e plasmata da madre natura per il canottaggio.
  7. Degli Esposti: Voto 8 1/2. In coppia con Uberti.......della Cerea, per nove secondi sfiora la medaglia. Bravissima e bravo anche Uberti, un GRAZIE, perchè la sua Società, ha imprestato l'otto che è servito all'Armida, a vincere Domenica, la regata master femminile.
  8. Favero: Voto 21. Si avete letto bene, voto 21......come i secondi che rifila a Gallesio. Si iscrive al singolo di nascosto spiazzando il suo eterno rivale, parte davanti a lui e gufa finchè il "Gallo" si scontra con Mondini. Giura che non ha corrotto Mondini.....gli crediamo ?
  9. Gallesio: Voto 8. Pensava di fare una regata rilassata, ma quando scopre che il presidente è in gara, si accorge che la gloria del Silver Skiff è scaduta. Parte come un razzo ma poi si disunisce, si scontra e .....aspetta Orta per la nuova disfida ! La rivalità continua.
  10. Mondini: Voto 9. Batte il presidente e il vicepresidente ! Glory Day ! e pensare che non voleva regattare. E' ora che si compri un singolo.
  11. Bonardi: Senza Voto. La sosta in partenza lo frega e si ritira acciaccato. Non si abbatta, fra tre settimane si ricomincia sul lago D'Orta e continui ad allenarsi. Un abbraccio.
  12. Mailander, Masera: Voto 9+. Seconde ! Incredibile ! Col senno del poi potevano anche vincere se avessero creduto di più, perchè 23 secondi di distacco dalle prime su sei kilometri sono pochi. Incredibile ! Bravissime !

REGATA di DOMENICA 14 FEBBRAIO

  1. Marchioli, Muci, Leva, Germano: Voto 10. L'otto misto femminile con la Caprera e L'Esperia, porta all'Armida la vittoria . Ciò dimostra che il canottaggio femminile nella nostra società è vincente. BRAVISSIME ! ! !
  2. Piersantelli, Lodigiani, Icardi, Pressenda: Voto 9 1/2. Terze e medaglia di bronzo. Come descritto sopra le nostre fanciulle rappresentano una realtà vincente. BRAVISSIME !
  3. Janega, Ceretto, Botto, Minoglio: Voto 8/9. Come si evince dalle foto della regata, la capovoga, arriva dal Canada. Sotto la neve è l'unica che non ha il cappellino. Comunque tutte e quattro combattono come alle Olimpiadi Canadesi, BRAVISSIME !
  4. Buzzi, Martin, Miola, Quagliano: Voto 8+. Per tre dell'equipaggio è la prima volta in una regata internazionale, nessuna di loro si fa condizionare è arrivano seste. BRAVISSIME !
  5. Schenone, Boggio B., Boggio M., Casetta, Ciani, Biasiol, Pontiglio, Lanzavecchia, Olivo: Voto 8. L'armo è pronto per Amsterdam e infila una regata grintosa. Forse andavano veloce, per tornare di corsa negli spogliatoi, dove li attendevano dei bellissimi armadietti...beige !  A Cristina Olivo, timoniere, un bacio perchè sopporta con affetto e comprensione questi " tangheri" !
  6. Carezana, Di Cintio, Bregolin, Audi, Favero, Terzolo, Gambaruto, Valle, Della Casa: Voto 7/8. Escono per la prima volta tutti assieme e visto anche il ' peso leggero ' del timoniere si difendono con grinta. Però l'assieme è ancora un miraggio.

A TUTTI GLI ATLETI E MASTER UN GRANDISSIMO APPLAUSO PER LA VOGLIA DI METTRSI SEMPRE IN GIOCO IN UNA REGATA FATICOSA !

MA UN GROSSO BACIONE A DILETTA ZANIN, LA PIU' PICCOLA  E GIOVANE ATLETA DELL'ARMIDA, CHE HA VINTO LA SUA PRIMA MEDAGLIA DI BRONZO.

Le foto  e le classifiche della regata su www.canottaggio.org . Sul nostro sito le foto di Carlo Alberto Zabert.

IMG_9768.jpg
 
13/02/2010 - CARLO MONTU' 1869 Stampa E-mail

1

CARLO MONTU’ TRA C.O.N.I. E CANNONI

Ricerca storica di ENRICO TONALI

Era una domenica (il giorno degli sportivi) quel 10 gennaio 1869 nella Torino

dei Savoia, con Vittorio Emanuele Il che scalpitava come i destrieri dei suoi

Dragoni e sbuffava sotto il barbone sale e pepe per quell'Italia fatta da otto

anni ma cui ancora mancava una Capitale. Anche in casa Montù - una

famiglia originaria di Livorno Vercellese, un modesto centro industriale che

diverrà poi Livorno Ferraris perché vi nacque l'illustre fisico Galileo Ferraris

che pure in questa nostra piccola storia ha un ruolo importante - quel dì di

festa ci fu molta agitazione, almeno finchè non venne al mondo il figlio tanto

atteso da papà Ernesto, Carlo; la mamma era Ida Bosco. Ad entrambi i

genitori il futuro uomo d'arme (l’Esercito Italiano era stato creato appena otto

anni prima, il 4 maggio 1861) e di sport resterà sempre legato, tanto da

dedicare poi loro uno dei più eleganti ed imponenti dei trofei del canottaggio

italiano.

A diciassette anni, l'1ottobre 1886, Carlo Montù entra nella Regia Accademia

Militare di Torino che - fondata nel 1669 dal duca Carlo Emanuele di Savoia -

fu il primo centro di istruzione militare al mondo. Aperta da Vittorio Emanuele I

ai giovani cittadini di ogni estrazione sociale, l'Accademia sabauda era

specializzata in artiglieria (nel 1928 assunse proprio il nome di Regia

Accademia Militare di Artiglieria e Genio), la materia bellica in cui poi Carlo

eccelse. Ed infatti il 7 marzo 1889 corona gli studi accademici con la nomina a

sottotenente dell'Arma dei cannoni e viene assegnato prima alla Scuola di

Applicazione Artiglieria e Genio di Torino e quindi, l'anno successivo, all'11°

Reggimento Artiglieria di stanza ad Alessandria.

Quell'ultimo scampolo del secolo XIX fu in Italia - dopo tanto sangue versato

nelle guerre, rivoluzioni e spedizioni dell'800 - un periodo di tranquillità bellica.

Contemporaneamente alla pace ci fu uno sviluppo industriale che

notevolmente si avvantaggiò da una scoperta - quella del campo magnetico

rotante, con l'invenzione del motore elettrico asincrono - che porta il nome di

Galileo Ferraris, il concittadino del vecchio ceppo Montù. Ferraris - ingegnere

ed assistente di fisica tecnica al Regio Museo Industriale di Torino, il futuro

Politecnico - aveva sperimentato pubblicamente fin dal 1885 (a trentotto anni)

il risultato dei suoi studi sul campo magnetico rotante ma dovette attendere

fino al 1893 per avere riconosciuta internazionalmente - nel Convegno

sull'Elettricità di Chicago - la paternità della scoperta che rivoluzionò il mondo

dell'energia. Proprio in quel periodo - nel quale tra l'altro Torino dà i natali a

due importanti istituzioni sportive, il Rowing Club Italiano (1888) poi

Federazione Italiana Canottaggio, e la Fedérazione Internationale des

Sociétés d'Aviron (1892) - Carlo Montù effettua alcune scelte decisive per il

suo futuro. Nel 1891 sposa Letizia Calani e due anni più tardi chiede al Regio

2

Esercito di essere congedato, passando nei ruoli di ufficiale di complemento;

quindi, forte anche degli studi compiuti in Accademia, si laurea a Torino in

Ingegneria Elettrotecnica come uno degli ultimi allievi (ed assistenti, anzi in

seguito Montù fu pure titolare della cattedra di Elettrotecnica a Napoli, dopo

essere stato pure assistente del professor Penati a quella di Macchine

Termiche al Regio Museo Industriale) di Galileo Ferrarsi, che - appena

cinquantenne - moriva infatti, nella città sabauda, nel 1897. Quello stesso

anno il ventottenne Carlo - dopo aver praticato il ciclismo agonistico in pista a

Torino al Motovelodromo e sull'anello in legno del Ciclisti Club, ed

appassionato pure di canottaggio e scherma - indossò la maglia

dell'International Football Club Torino (fondato nel 1891 e presieduto da Luigi

di Savoia duca degli Abruzzi), giocando accanto a pionieri del calcio come

Edoardo Bosio ed Alfonso Ferrero di Ventimiglia (che nel 1899 fondò la FIAT

insieme a Giovanni Agnelli).

A proposito di Bosio, scorrendo le cronache di fine Ottocento, scopriamo che

la prima squadra di calcio - il Torino Football and Cricket Club

Torino nel 1887 dal torinese Edoardo Bosio (1864 - 1933?), impiegato in una

ditta commerciale che aveva frequenti rapporti con l’Inghilterra, dove apprese

a giocare; al suo rientro in Italia, convinse i suoi colleghi ad abbracciare e

praticare il nuovo gioco (si dice che fu il primo a importare il pallone di cuoio).

Bosio, appassionato sportivo e canottiere, divenne un personaggio di spicco

della Società Canottieri Armida; di lui la «Gazzetta del Popolo della

Domenica» del 14 giugno 1891 diceva: ”Il Signor Bosio Edoardo, terza voga,

partecipò col Nicola alle regate di Venezia e Casale, vincendo nelle prime il 2°

premio in canoa e il 1° in jola alle seconde. Nel 1888 a Torino, partecipò alle

gare di canoa a quattro e a due, vincendo i primi premii. Partecipò alla gara

della Coppa alle regate di campionato a Stresa. Ha 24 anni, pesa 72

chilogrammi, misura metri 1,81 d’altezza”. Bosio vinse, nel settembre del

1891, a Como i Campionati Italiani nella “canoa a due seniores” (Bosio,

Cappellaro, tim. Vernette ); successivamente divenne direttore sportivo della

Canottieri Armida. Nel 1889 - sempre nel capoluogo sabaudo - nacque la

seconda compagine calcistica italiana, i Nobili, istituita da uno sportivo di

rango, il duca degli Abruzzi; due anni più tardi le due squadre cittadine si

fusero dando vita all’Internazionale Football Club Torino (da non confondersi

con l’omonima squadra di Milano sorta diversi anni dopo), della quale

Edoardo Bosio fu fondatore e giocatore (come “striker”). Le cronache

riportano la presenza in campo anche di Luigi Amedeo duca degli Abruzzi,

Herbert Kilping (che giocherà poi nel A.C. Milan) e, come abbiamo visto, di

Carlo Montù.

Nasceva poi la Federazione Italiana del Football (F.I.F.), formata da F.C.

Torinese, Internazionale, Società Ginnastica Torinese e Genoa, con sede

sempre a Torino in Piazza Castello presso A. Jourdan. Diventata Federazione

Italiana Gioco Calcio (F.I.G.C.), nel 1914 ne diverrà presidente lo stesso

Montù.

L'inizio del XX secolo vide Montù affascinato da quello che sarà il settore che

3

più si svilupperà in quel periodo, i trasporti, in particolare le ferrovie e

l'aeronautica. Nel 1907, all'Esposizione di Milano, presenta una sua

realizzazione inerente "gli accoppiatori automatici per veicoli ferroviari", ma

lavora anche come progettista di stazioni; così come si dedica alla

costituzione della Società Aviazione Torino, poi divenuta Aeroclub Torino.

Alla soglia dei 40 anni l'eclettico Carlo - che aveva aderito al Partito Liberale -

ha ormai le carte (ed i titoli) in regola per tentare una nuova avventura, quella

politica. Il suo collegio elettorale è Crescentino - uno dei tre di allora, con

Santhià e Vercelli, di quella zona inumidita dal Po -, cittadina di nemmeno

8 mila abitanti a forte vocazione contadina, una decina di km da Livorno

Ferraris e 30 da Vercelli. Ottiene la fiducia dei votanti e per quattro anni,

durante la ventitreesima legislatura dal 24.3.1909 al 29.9.1913, Montù siede

alla Camera dei Deputati; ma la Patria, impegnata militarmente oltremare, lo

rivuole anche in divisa e lo richiama alle armi.

Nel 1911, il quarantaduenne ex-tenentino d'Accademia viene reintegrato

stabilmente nell'Esercito Italiano con il grado di capitano d'Artiglieria ed

assegnato (durante la guerra con la Turchia) al Regio Corpo di Spedizione in

Libia, nel reparto speciale - dati i suoi precedenti - degli Osservatori Aerei e

Lanciagranate. Pur se l'industria aeronautica si trovava in Italia allo stato

embrionale, nei cieli libici vengono stabiliti autentici primati dalla genialità e

dall'inventiva di quei pionieri: Guglielmo Marconi effettuò proprio in Libia il

primo esperimento di trasmissione radiofonica da una stazione terrestre a un

aeroplano e il capitano Carlo Piazza ed il tenente Giulio Gavotti tentarono, nel

marzo 1912, i primi esperimenti al mondo di atterraggio notturno, cosicché

- alla vittoriosa conclusione del conflitto italo-turco - i reduci di quelle pattuglie

si trovano circondati da una grande popolarità.

Anche Montù stabilisce un “primato” mercoledì 31 gennaio 1912 quando

- decollato da Tobruk a bordo di un biplano Farman (in legno e tela) per una

missione sia ricognitiva che offensiva sulle truppe ottomane di stanza ad

Emme Dolner - l'aviatore-artigliere piemontese viene fatto segno da cinque

fucilate nemiche sparate da circa 800 metri di distanza: quattro pallottole

trapassano elica ed ali, mentre la quinta fora il sedile in alluminio e lo ferisce

non gravemente. E' un record al contrario: è infatti la prima volta che da terra

qualcuno riesce a colpire con successo un bersaglio aereo in guerra, anche

perché l’uso - fatto dall’Italia - dell’aviazione in un conflitto è tra i primi al

mondo. La fortunosa schioppettata turca mette momentanea fine (per la

seconda volta) alla carriera militare dell'ingegnere torinese; rientrato dopo un

mese in Italia, gli viene conferita la Medaglia d'Argento al Valore Militare,

promosso maggiore e, il 4 giugno 1912, congedato. Alcune fonti riportano

comunque che Montù continuò la carriera in Aviazione fino alla Prima Guerra

Mondiale, comandando il 1° Raggruppamento Bombardieri, per poi passare in

Artiglieria.

Il 7 agosto 1912 la “Gazzetta dello Sport” pubblica un lungo articolo che invita

il Governo a rivolgere le sue attenzioni (e sovvenzioni) direttamente alle

Federazioni Nazionali. Lo scritto suscita notevole interesse nel mondo

4

sportivo, in particolare nel Rowing Club il quale propone di interessare i

deputati che fanno parte delle Federazioni per chiedere direttamente fondi al

Governo. L’1 dicembre 1912 la Sezione Lombardo-Emiliana del Rowing Club

convoca una riunione tra i rappresentanti delle Federazioni nella sede della

potente (15 mila soci) Lega Aerea Nazionale a Milano, la quale aveva tra i

suoi consiglieri l’onorevole Carlo Montù. Il consesso – presieduto da un altro

famoso dirigente remiero, Igino Pampana, medico e fondatore del Barion di

Bari – prepara il terreno ad un congresso delle Federazioni, che si tiene nella

stessa sede il 19 gennaio 1913 ed il quale sfocia nella delibera di “richiedere il

riconoscimento del Governo per le singole Federazioni e l’aiuto suo tanto

materiale, quanto e soprattutto morale”.

L'anno successivo, alla scadenza del mandato elettorale, Carlo Montù si

ripresenta candidato ma a Crescentino trova, come forte antagonista, il

medico condotto Fabrizio Maffi, socialista ed anti-interventista (allora l'Italia

aveva dichiarato guerra all’impero ottomano per il possesso di Tripolitania e

Cirenaica), già in corsa per la poltrona di deputato nel 1904, quando però

venne battuto dal marchese Fracassi poi divenuto senatore del Regno. Il Maffi

- la cui professione gli aveva creato molte simpatie tra i braccianti - cavalca il

malcontento popolare dovuto all'indifferenza dei grandi proprietari terrieri locali

verso operai e salariati, ed acquisisce - nella tornata elettorale del 26 ottobre

1913 - un numero enorme di voti (quasi 6 mila), superando il quasi coetaneo

Montù, il quale in quello stesso anno viene eletto per la prima volta alla

presidenza (che manterrà fino al 1927) del Regio Rowing Club Italiano,

succedendo allo scomparso concittadino Luigi Capuccio, che era stato uno

dei fondatori sia della Federazione Italiana che di quella Internazionale del

Canottaggio, e che l’anno precedente aveva dovuto annullare la

partecipazione dei canottieri italiani ai Giochi Olimpici 1912 di Stoccolma per il

caos avvenuto durante le selezioni a Venezia per l’otto, tra la Querini e la

Bucintoro. Montù, appena eletto, riesce – nell’agosto 1913 – a comporre la

vertenza con la Querini che (dopo la squalifica della Bucintoro all’indomani

delle mancate - per abbordaggio e doppio affondamento - selezioni e la

cassazione della partecipazione olimpica) aveva trascinato in tribunale il

Regio Rowing Club Italiano. Dopo aver assunto la guida del turbolento

canottaggio – siccome lo sport è evidentemente presente in modo massiccio

nel DNA dell'eclettico piemontese – Montù si prende sulle spalle (nel 1914,

per referendum) anche la presidenza della Federazione Italiana Giuoco

Calcio. Non va dimenticato che nei primi Anni Dieci il campionato di calcio

vede l'affermazione di squadre piemontesi - la Pro Vercelli dal 1911 al 1913 e

nel 1914 del Casale – e la nazionale del pallone da un triennio adotta la

maglia azzurra, in onore del colore dei Savoia. Con la presidenza Montù fu

confermata la sede federale a Torino, dove lui risiedeva.

Nello stesso 1914 Carlo dà la scossa a tutta l’Italia che suda sui campi di

gara, proponendo la creazione di un Comitato Olimpico nazionale che diverrà

poi nientemeno che il CONI. In realtà “Comitati” ne nascevano in

continuazione, le Federazioni Sportive (in prima fila il Rowing Club) erano in

5

continua ebollizione, ma la nascita di un organismo che definitivamente le

riunisse tutte sembrava difficile. Personaggio-chiave di quegli anni è un altro

“savoiardo”, il marchese Carlo Compans de Brichanteau de Challant, nato a

Chambèry nel 1844 e che scomparirà a Torino nel 1925, dopo essere stato

– dal 1914 al 1920 – il primo presidente del CONI.

Ecco come lo storico Gianfranco Colasante – nel suo libro “La nascita del

Movimento Olimpico in Italia” (1996, pag. 208) - ricostruisce quell’avvenimento

così importante per lo sport italiano: “

del Comitato Italiano. Dopo i Giochi di Stoccolma, era ricaduto nel consueto

letargo. Le divisioni ideologiche tra gli uomini che lo componevano non ne

facilitavano il funzionamento. La mancanza di fondi lo paralizzava. Gli impegni

del suo presidente, lo tenevano ingessato in una perenne attesa. Compans,

pur accreditando il personaggio di un certo interesse per lo sport, non trovava

che saltuariamente il tempo di occuparsene. La nascita un po' impetuosa del

"Comitato Permanente" l'aveva trovato del tutto impreparato. Sarebbe stato

forse opportuno far confluire le due iniziative in un unico alveo, tramite

qualche raccordo (Bongrani?) o qualche forma di arbitrato (Brunetta?). E

trovare un nuovo presidente, dal momento che Compans non appariva la

persona giusta per mediare. Cominciò invece una lotta sorda tra le due

istituzioni, fatta di maldicenze e insinuazioni sui giornali (che portarono ad

alcune querele, in una delle quali venne coinvolto come testimone lo stesso

Compans). Il 1914 era alle porte e si profilavano i Giochi Olimpici di Berlino.

L'unica iniziativa di Compans (che non riuniva il Comitato da un anno e

mezzo) fu quella di proporre all'ASSI, l'Associazione della Stampa Sportiva, di

entrare nel Comitato. Intanto i mesi scorrevano veloci. E qualcuno cominciò a

vagheggiare l'arrivo dell'uomo forte che desse la spinta decisiva.

Questi venne individuato nel torinese Carlo Montù, un militare che aveva

acquistato grande autorità in campo aviatorio e che godeva della stima degli

ambienti politico-industriali legati all'aeronautica. Compans, che in materia di

politica militare era uno dei più autorevoli esperti del Parlamento (sua era

stata la proposta di legge per ridurre a 18 mesi la ferma), conosceva bene le

credenziali di Montù e le temeva. Compans ipotizzò un incontro con Montù,

che avvertiva come la maggiore personalità emergente del movimento

olimpico italiano. Lo apprendiamo da un suo appunto manoscritto (purtroppo

senza data) al quale prevedeva di far intervenire anche il giornalista Verona,

che a Montù era molto legato e che era stato il promotore dell'intervento degli

aviatori in Libia. Gli argomenti da discutere, nell'ordine, sarebbero stati,

secondo quanto scrisse:

1. affermare azione continuità del Comitato Nazionale Italiano per le

Olimpiadi; regolamento riconosciuto dal Governo.

2. liquidare Federaz. delle Federazioni e partecipare tale fatto a Com. Centr.

Olimpico Internazionale.

3. opportunità di scrivere io a Coubertin?

Tralasciando l'approssimazione nella nomenclatura, i concetti espressi da

Compans erano corretti: nella logica di una continuità, che tutti sembravano

6

concordi nel far risalire al 1908, si ipotizzava un riconoscimento governativo

per il Comitato. Sulla sorte del "Comitato Permanente", il marchese aveva le

idee ancora più chiare. Non ci è noto se l'incontro ci fu e quali furono le

eventuali conclusioni. Gli eventi successivi sembrerebbero escluderlo. In ogni

caso la circostanza è importante per introdurre, nel migliore dei modi, il

personaggio Carlo Montù che nell'estate del 1914 assommava nella sua

persona diverse importanti cariche sportive: membro del CIO (fu nominato a

Parigi nel Congresso del decennale), presidente delle Federazioni

Canottaggio e Calcio, vice-presidente dell’Aero Club d'Italia, consigliere della

Lega Aerea Nazionale, consigliere della Federazione di Scherma della quale

era stato uno dei propugnatori. Presiedeva, infine, l’Associazione Aviatori e

Aeronautici d'Italia, appena fondata a Torino.

Montù fu il primo dirigente, nel senso che riveste oggi questo termine, del

movimento olimpico italiano. Il primo ad avere la personalità adatta per

muoversi sul palcoscenico internazionale, con una visione lungimirante e

moderna.

Il 9 e 10 giugno 1914 – in un periodo particolarmente agitato politicamente,

con innumerevoli manifestazioni di piazza - si ebbe in un ufficio della Camera

dei Deputati e su iniziativa di Montù (che nel 1913 era stato nominato membro

del CIO, carica che manterrà fino allo scoppio della Seconda Guerra

Mondiale, nel 1939) la prima riunione del nascente Comitato Olimpico che

pose le basi per una unificazione dello sport nazionale e la rappresentanza

italiana presso lo stesso CIO (Comitato Olimpico Internazionale, presieduto

dal suo fondatore - nel 1894 - Pierre de Coubertin, ed in procinto di spostarsi

da Parigi a Losanna) ad iniziare dal Congresso Olimpico in programma pochi

giorni dopo (14/20 giugno 1914) a Parigi. Nella riunione romana

(particolarmente affollata ed inizialmente indetta proprio per designare i dieci

delegati italiani all’imminente Congresso), Montù era anche presente come

presidente di ben tre Federazioni Sportive - Calcio, Canottaggio (della quale

c'era pure Alberto Mario Rossi, futuro segretario del R.R.C.I.) e Aereo -

nonché in rappresentanza dell'Automobilismo. Da quel consesso in cui

nacque il CONI, Montù uscì con la carica di vicepresidente del nuovo

organismo olimpico ed ovviamente (essendo già membro del CIO) come uno

dei delegati al Congresso di Parigi; ma anche quale ospitante la prima sede

del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (che nel 1915 venne riconosciuto dal

CIO), stabilita a Roma in Via della Colonna Antonina 52, nei locali dell'Aero

Club presieduto appunto dal quarantacinquenne piemontese.

Il futuro dell'ex-allievo di Galileo Ferraris si sta però ancora una volta tingendo

di grigioverde: il 10 dicembre 1914 è richiamato in servizio dall'Esercito ed

assegnato, tre mesi dopo, al Battaglione Scuola Aviatori. Oltre alla precedente

esperienza bellica in Libia, in quegli anni Carlo ha infatti assunto pure un altro

incarico, che lo lega ancor più ad ali ed eliche: è nominato vicepresidente e

poi presidente (dal 1914) della Società Aviatori e Aeronauti dell'Aria (fondata

nel 1911, con sede a Torino e poi divenuto Aero Club d'Italia), la quale proprio

con lui confermerà la devozione di chi vola alla Madonna di Loreto, ornando la

7

bandiera della stessa Società con l'immagine della Vergine Lauretana.

Diviene anche membro del Consiglio Direttivo della Lega Aerea Nazionale e

del Comitato Direttivo della Fédération Aéronautique Internazionale, mentre

quale presidente dell’Aereo Club d’Italia assegna al barone padovano Leonino

Da Zara la coppa destinata dalla stampa sportiva all’aviatore che avesse

effettuato - entro il 31 dicembre 1910 - il maggior numero di voli (il nobile

veneto ne aveva compiuti in quell’epoca pionieristica ben 26, rimanendo in

aria per 5 ore e 4 minuti). Sicuramente nello stesso periodo Montù incontra un

altro grande appassionato dell’aria (e poi del canottaggio, tanto da mettere in

palio una stupenda coppa, conservata in un altrettanto magnifica custodia in

pelle), Gabriele d’Annunzio, che di Leonino Da Zara è grande amico. Nella

primavera del 1915 l’Italia si prepara a partecipare ad uno dei conflitti più

tragici e sanguinosi dell’umanità: la Prima Guerra Mondiale, la Grande

Guerra. Montù, militare e sportivo, non disgiunge la divisa grigioverde di

ufficiale dal doppiopetto di alto dirigente federale: il giorno stesso che l’Italia

dichiara guerra all'Austria-Ungheria - il 23 maggio 1915, una domenica – gli

arbitri del pallone comunicano il rinvio delle partite, secondo una decisione

presa dalla Federcalcio, presieduta dall’interventista Carlo, subito seguita

dalla stampa sportiva che enfatizza l’inizio delle ostilità contro “l’austriaco

invasor”. All'alba del 24 maggio il Regio Esercito spara la prima salva di

cannone contro le postazioni nemiche e Montù prosegue a servire la Patria e

lo sport. Ma non è il solo, tanto che quel giorno La Gazzetta dello Sport esce

con un titolo a tutta pagina: “Per l’Italia contro l’Austria Hip Hip Hurrà”. Persino

De Coubertin si arruola volontario tra le truppe francesi, ma

– cinquantaduenne – venne immediatamente congedato; il barone ne

approfitta per trasferire al sicuro, nel 1915, il CIO a Losanna, nella neutrale

Svizzera. Il 30 ottobre 1916, dopo essere stato promosso tenente colonnello,

gli è assegnato il comando del 30° Reggimento Artiglieria da Campagna

(Bombardieri) alla cui testa rimane fino al 15 gennaio 1918, quando - elevato

al grado di colonnello - è trasferito in Francia, per tornare sul fronte italiano il

10 giugno, stavolta comandante del 45° Reggimento (sempre Artiglieria da

Campagna). Nel frattempo, mentre i contendenti si leccano le ferite, De

Coubertin pensa sempre ad un’Olimpiade a Roma, già negatagli dieci anni

prima dal governo Giolitti, indaffarato in altre questioni; scrive perciò a Montù

al quale il savoiardo naturalizzato torinese on. Carlo Compans di Brichanteau

(eletto presidente nella celebre riunione costitutiva del giugno 1914 a Roma)

aveva nel frattempo affidato la reggenza effettiva del CONI. Secondo il barone

francese, che esprime i suoi pensieri in una lettera riservatissima all’on.

Montù, la martoriata Anversa non gliela farà a sopportare sul suo territorio

dilaniato dalla guerra i Giochi 1920: che ne dice Roma di sostituirla? Sull’onda

dei successi italiani alle Olimpiadi Militari di Joinville

piemontese invia, negli ultimi giorni del 1918, una circolare – in qualità di

vicepresidente anziano del CONI – a tutte le Federazioni Sportive per sondare

evidentemente il terreno in proposito. Ma a troncare sul nascere ogni ulteriore

iniziativa sui Giochi a Roma è il governo: il bilancio statale, dopo il

8

dissanguamento della appena conclusa Grande Guerra, è in condizioni

precarie, impossibile accettare perciò la pur ufficiosa proposta di De

Coubertin-Montù.

Per quest’ultimo si chiude anche l’ennesima parentesi bellica. Dopo la

decorazione ricevuta nel 1912, Montù - capelli a spazzola alla militare e baffi

ben curati - alla fine della Prima Guerra Mondiale avrà appuntate sul petto ben

altre quattro medaglie, due d’argento ed altrettante di bronzo; quella del 1916

(argento) ha la seguente motivazione: "Comandante di un raggruppamento di

bombarde, diede costanti prove di valore personale e sprezzo sotto l'intenso

fuoco nemico, per imprimere all'azione delle dipendenti batterie il massimo

vigore e per compiere studi e progetti per l'impianto di nuove batterie (Medio

Isonzo, agosto - dicembre 1916)". Insignito di altre decorazioni, terminata la

Grande Guerra, Montù raggiunge il grado di generale e viene nominato

commissario civile per la regione di Cividale del Friuli che - dopo la disfatta di

Caporetto alla fine dell’ottobre 1917 - era stata occupata per breve tempo

dalle truppe austriache. Instancabile, il militar-sportivo dai natali vercellesi,

appena deposta (provvisoriamente, s’intende, perché ormai il grigioverde è

per lui una seconda pelle) la divisa nella cassapanca, ritorna a piste, campi di

regata e pedane.

Il 3 agosto 1919 Montù – che abitava a Torino in Via Po 39 - diviene

presidente della Federazione Italiana Scherma, nelle cui file c’è un formidabile

atleta, l’imbattibile D’Artagnan azzurro Nedo Nadi che l’anno dopo ad Anversa

vince cinque medaglie d’oro ai Giochi Olimpici, stoppati al 1912 e ripresi solo

nel 1920 a causa di un conflitto (la Prima Guerra Mondiale) che ha provocato

8 milioni e mezzo di morti e 20 milioni di feriti. Accanto a Nedo combatte

– pacificamente sulle pedane olimpiche – suo fratello Aldo, il quale conquista

in quell’avventura belga tre medaglie d’oro ed una d’argento. All’indomani di

quell’Olimpiade così prestigiosa per le Federazioni da lui guidate – anche i

canottieri italiani salgono infatti due volte sul podio, per essere premiati da re

Alberto del Belgio con l’oro del 2 con e l’argento del doppio – Montù deve però

incassare una pesante sconfitta da dirigente, non riuscendo a trattenere in

Italia Nedo Nadi, che se ne va in Argentina a fare il maestro, rinunciando allo

status dilettantistico e alla maglia azzurra. In quell’anno 1920 l’instancabile

torinese diventa però anche, per acclamazione, presidente del CONI

(Compans di Brichanteau è nominato presidente emerito), adoperandosi

subito per la migliore partecipazione della rappresentativa italiana ai Giochi

Olimpici di Anversa. Montù riuscì, per quell’edizione olimpica post-bellica, a

realizzare due “miracoli”: il primo che le spese della spedizione fossero

totalmente ripianate grazie ad un contributo statale, una sottoscrizione

lanciata da “La Gazzetta dello Sport”, una somma messa a disposizione dalla

Federazione Calcio ed altre donate da enti e industriali (tra i quali Giovanni

Agnelli, il fondatore della FIAT); il secondo la definitiva adozione della maglia

azzurra (ed una medesima uniforme) per tutti i nostri atleti (174 uomini e 1

donna) partecipanti.

9

Inoltre ad Anversa viene realizzata la prima Casa Italia, un’iniziativa voluta da

Montù e ripresa poi stabilmente dal CONI nella seconda metà del 1900. Il neo

capo del CONI svolge durante i Giochi un’intensa attività “diplomaticosportiva”

(sulla quale poi relazionerà al presidente del Consiglio Giovanni

Giolitti) punteggiata da due conferenze in francese, l’8 agosto con tema “Pro

Italia” ed il 24 agosto sulla “Candidatura di Roma alle Olimpiadi del 1924”; ma

sarà proprio quel De Coubertin - che tanto aveva caldeggiato i Giochi nella

Città Eterna nel 1909 e 1920 - a stoppare l’iniziativa di Montù, e a far

ratificare, nel Congresso di Losanna 1921, l’assegnazione della competizione

olimpica a Parigi, dopo aver contattato in proposito, per lettera, tutti i Comitati

Olimpici Nazionali.

Dimessosi da presidente del CONI nel 1921 dopo il burrascoso Congresso del

CIO di Losanna (fu sostituito dall'ingegner Francesco Mauro, che era stato

suo vicepresidente nel Calcio), Montù mantenne fino al dicembre 1923 la

presidenza della Federazione Scherma (cui era stato eletto nei 1919) e fino al

1927 quella del Canottaggio (che aveva ricoperto sin dal 1913). Quella del

Calcio (della quale era stato eletto presidente nel marzo 1914 e che aveva

lasciato nel febbraio 1915 per contrasti con il segretario Scamoni), l'aveva

ripresa solo per pochi mesi durante il 1919

vice-presidente della Fédération Aéronatique Internationale, aveva partecipato

alla riunione costitutiva dell'Ufficio Permanente delle Federazioni

Internazionali, quale unico dirigente italiano presente.

A seguito di tale assegnazione - come afferma, nel suo libro “Il CONI di Giulio

Onesti”, lo storico sportivo Tonino De Juliis -

fermamente la candidatura di Roma - e la delegazione italiana

abbandonarono per protesta il Congresso Olimpico di Losanna.” “Montù si

dimise anche dal CONI e alla presidenza fu chiamato l'on. Francesco Mauro, il

quale era già stato il successore di Montù nella carica di presidente della

Federazione Italiana Gioco Calcio. Due anni dopo l'increscioso episodio di

Losanna, Montù, che non era più presidente del CONI ma sempre membro

del CIO, ricevette da un collega brasiliano un significativo attestato a favore di

Roma "olimpica". Nel 1923, per la prima volta, una sessione del CIO fu

celebrata a Roma. Nella seduta conclusiva, svoltasi il 12 aprile nella sala delle

bandiere al Campidoglio, un simpatico gesto verso il CONI e la città capitolina

fu compiuto dal membro del CIO per il Brasile conte R. de Rio Branco.

Discutendosi della possibilità di assegnare a Rio de Janeiro i Giochi olimpici

del 1936 - essendo già previsti a Parigi quelli del 1924 ed assegnati ad

Amsterdam e a Los Angeles rispettivamente quelli del 1928 e del 1932 - il

brasiliano de Rio Branco, che era stato cooptato nel CIO nel 1913 come Carlo

Montù, tenne a dichiarare che, prima dell'America del Sud, Roma dovesse

avere l'onore dei Giochi Olimpici. Ma allora non fu presa una decisione e

l'Italia in seguito rinunciò ad avanzare la candidatura per i Giochi del 1936 (a

favore della Germania) e ritirò quella per i Giochi del 1940 (a favore del

Giappone).

10

(opera citata) - “

che si tenne a Losanna, nel Casinò di Montbenon che aveva ospitato durante

il conflitto gli uffici del Comitato. I lavori, presieduti da Sigfrid Edstròm (primo

presidente della IAAF), si tennero dal 2 al 7 giugno 1921 con l'intervento di 78

congressisti in rappresentanza di 23 paesi. Ventitrè erano i membri del CIO,

tra i quali figurava anche Montù. L'argomento principale era costituito dalla

revisione dei regolamenti olimpici e dei criteri di ammissione ai Giochi. In

discussione anche la creazione dei Giochi d'inverno e l'assegnazione delle

Olimpiadi del 1924.

La scelta di Parigi quale città destinata ad ospitare l'ottava Olimpiade fu

violentemente osteggiata da Montù, che aveva proposto di nuovo la

candidatura di Roma (una candidatura sulla quale non si è mai indagato a

fondo). Prima che il Congresso iniziasse i suoi lavori, de Coubertin aveva fatto

pervenire ai membri del CIO una circolare nella quale chiedeva di accettare

"che Parigi ed Amsterdam fossero scelte rispettivamente per i Giochi della

ottava e della nona olimpiade". Per Roma, la cui candidatura secondo il CIO

non era sostenuta da alcuna garanzia ufficiale, il Comitato internazionale

temeva la ripetizione di quanto accaduto nel 1908. Anche Los Angeles era tra

le candidate, ma le gravose spese di viaggio, sproporzionate alle possibilità

degli europei, bastavano ad escluderla.

Montù si oppose in modo violento e plateale alla proposta di de Coubertin che

riteneva precostituita. I risultati, comunque, dettero ragione al barone: la

proposta passò con 14 voti favorevoli, 4 contrari ed un astenuto. Montù,

inscenando una vera gazzarra, pretese la ripetizione delle

validità delle stesse fu contestata una seconda ed una terza volta, ma le due

ripetizioni dettero sempre lo stesso risultato (de Coubertin non votò). Nel

corso della nottata la delegazione italiana lasciò Losanna per protesta contro

quella che, secondo l'ammissione dello stesso de Coubertin, sarebbe stata

"una manovra poco chiara". Il CIO, per sdrammatizzare, ha costretto a

rendere pubblica una imbarazzata relazione. Stupisce che quest'episodio,

come tantissimi altri della storia olimpica italiana, sia stato sepolto nella

memoria collettiva (e ignorato dalle varie storie proposte). Come se, più che

dimenticanze, fossero intervenute accurate censure.

La pace tra Montù ed il CIO fu siglata due anni più tardi, quando Montù

richiese per Roma l'organizzazione della 22. Sessione. Ed a sottolineare la

volontà di pacificazione, la richiesta precisava che le riunioni si sarebbero

tenute "durante la Pasqua del 1923". De Coubertin, che avrebbe voluto

portare a Roma la Sessione già nel 1917, fu subito d'accordo. I lavori vennero

ospitati in Campidoglio, dal 7 al 12 aprile del 1923, in pieno periodo pasquale.

Sindaco di Roma era allora Filippo Cremonesi. La cerimonia d'apertura si

tenne con molta solennità alla presenza di Vittorio Emanuele. L'obiettivo

principale dei lavori fu la "diffusione dello sport in Africa" (che portò alla

nascita degli African Games). I membri del CIO, che per la prima volta si

riunivano in Italia, vennero accolti con sontuosa ospitalità al Quirinale e

11

ricevuti in Vaticano da Pio XI che espresse "rinnovate assicurazioni di cortese

simpatia per l'Olimpismo". Montù partecipò con grande impegno ai lavori nella

commissione per il "mancato guadagno". Sarebbe stato quello il suo ultimo

incarico nello sport internazionale e lo sapeva.

Nel giorno conclusivo della Sessione, in un altro palazzo della città veniva

nominato alla presidenza del CONI

sottosegretario all'interno. Con la sua nomina iniziava il controllo del Partito

Fascista sullo sport italiano.

Successivamente (come riporta ancora De Juliis nel suo libro)

riteneva il fascismo contrario ai suoi principi liberali, nel 1927 Montù lasciò

l'ultima carica sportiva, dimettendosi da presidente della Federazione Italiana

Canottaggio, che era la Federazione prediletta. Si ritirò nella sua Bellagio e si

dedicò alla elaborazione di una ponderosa ed apprezzatissima "Storia

dell'artiglieria italiana" in quattordici volumi, nella quale profuse l'eccezionale

cultura e competenza tecnica. Un fatto sorprendente, che meriterebbe di

essere approfondito, è quello che nel 1925, a seguito delle forzate dimissioni

date il 18 giugno 1924 da Aldo Finzi caduto in disgrazia a causa del delitto

Matteotti, si determinò una corrente favorevole alla rielezione di Montù a

presidente del CONI. La cosa non fu poi tanto segreta se lo stesso direttore

de "La Gazzetta dello Sport", Emilio Colombo, ne parlava nel suo articolo

pubblicato il 7 dicembre 1925 sulla elezione, avvenuta il giorno prima con 20

voti su 22, di Lando Ferretti, definito "un condottiero gradito al Capo di

Governo Nazionale" (cioè a Mussolini). Comunque quel Consiglio Nazionale

del CONI, che elesse Ferretti, non mancò di inviare un telegramma di saluto

anche a Carlo Montù”

Oltre allo sport, nel cuore dell’instancabile piemontese ci sono sempre anche i

cannoni. Così diventa direttore del Comitato di Redazione (nonché coautore)

di una monumentale (14 volumi) ed apprezzata

dal Rinascimento alla Prima Guerra Mondiale, profondendovi notevole cultura

e rara competenza tecnica. In una memoria lasciata da Montù si parla pure di

cavalli. La Scuola di Equitazione (creata da Carlo Felice nel 1823 alla Venaria

Reale) fu trasferita - sempre in provincia di Torino - a Pinerolo nel 1849, con il

nuovo nome di Scuola di Cavalleria, dall’allora ministro della Guerra Alfonso

La Marmora nell’ambito della riorganizzazione dell’Esercito dopo l’abdicazione

di Carlo Alberto e la salita al trono di Vittorio Emanuele II. Secondo Montù, la

scelta cadde su Pinerolo

la salubrità delle terre e al fine di aumentare la distanza da Torino che,

specialmente per la gioventù, costituiva un centro di attrazione pericoloso”

Nel 1926 la Reale Federazione Italiana di Canottaggio istituisce un magnifico

trofeo in argento massiccio (opera dello scultore Monti ed ancora oggi

presente nella sede della Federcanottaggio a Roma) dedicato al suo

presidente – la Coppa Carlo Montù – per premiare la Società affiliata che

nell’anno ha svolta la maggiore attività remiera, con la partecipazione al

maggior numero di regate. La Coppa viene tutt’ora assegnata.

12

Dopo l'emanazione della

1928), Montù si mise da parte (secondo alcuni, "venne messo" da parte

perché massone) e si ritirò in un volontario esilio sul lago di Como. L'ultimo

incarico pubblico che ricoprì fu quello di amministratore del Politecnico di

Torino (1924/1928). Mantenne soltanto la qualifica di membro del CIO, che

abbandonò solo nel 1939.

Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, Montù ritorna ad indossare i panni

grigioverdi di Generale di Divisione: dall’1 aprile 1943 è (senza assegni ma

con incarichi speciali) al Ministero della Guerra di Via XX Settembre a Roma.

Il 4 giugno 1944 le truppe della V Armata USA, comandate dal generale Mark

Wayne Clark, liberano Roma; nemmeno tre settimane dopo, il 22 giugno, il

trentaduenne avvocato Giulio Onesti (torinese e canottiere come Montù) viene

nominato - dal governo Bonomi (insediatosi da appena quattro giorni) –

reggente del CONI, con l’incarico di liquidare l’ente olimpico. Onesti non

pensa affatto di far fuori la “creatura” quasi sua coetanea e, promosso

commissario straordinario in ottobre, riesce a convincere Ivanoe Bonomi

(anche lui avvocato) a far vivere l’ente.

Intanto, appena il conflitto finisce, c’è un’altra chiamata per Montù, quella della

Federazione mai dimenticata, il Canottaggio, che lo sollecita a riordinarne le

fila; Carlo ne riassume nel 1946 la presidenza ed il 27 luglio dello stesso anno

partecipa a Milano alla storica seduta nella quale vengono ricostituiti gli organi

del CONI, alla cui guida è saldamente il piemontese Onesti: in quella

occasione il settantasettenne dirigente torinese prende la parola per

raccomandare – da indomabile militare – la difesa dell’autonomia e

dell’indipendenza dell’ente olimpico italiano.

L’anno successivo, finalmente, l’Esercito concede a Montù il definitivo

“rompete le righe” ed il 10 gennaio 1947 lo pone a riposo: dal suo ingresso

nell’Accademia Militare sono passati 61 anni, una vita al servizio della Patria.

Ceduta l’ultima presidenza (quella della Federazione Italiana Canottaggio che

lo acclama socio onorario) il 20 marzo 1949 a Firenze ed avendo esultato in

agosto per gli stupendi risultati dei vogatori azzurri agli Europei in Olanda,

esattamente sette mesi dopo aver ceduto lo scettro della FIC, giovedì 20

ottobre 1949, il grande dirigente piemontese – assistito dalla moglie signora

Letizia e dai figli - scompare a Bellagio (sul Lago di Como) nella sua Villa

Belmonte, probabilmente costruita da un cittadino britannico ed acquistata e

ristrutturata dalla famiglia Montù nel 1881. Nel 1998 nelle soffitte della Villa,

che è costeggiata da Via Montù, viene ritrovata – dall’ingegner Franco

Castelli, attuale proprietario – una lettera di Pierre de Coubertin indirizzata

mio caro amico e collega Carlo Montù dedico queste pagine scitte per il suo

bel Paese”

rivista “Il Canottaggio” dell’anno 1999.

Nell’estate del 1952, a suo ricordo, venne inaugurata a Torino una stele

all’inizio del Parco del Valentino, sulla quale è scritto:

1896-1949. Generale d'artiglieria e storico dell'arma. Deputato al Parlamento.

Pioniere dell'aviazione. Elettrotecnico insigne. Fondatore del CONI. Animatore

 
08/02/2010 - D'INVERNO SUL PO - LA CARICA DEI 101 Stampa E-mail

REGATA INTERNAZIONALE DEL 13/14 FEBBRAIO - TORINO

Tra sabato e domenica saremo in 101 a regattare sul PO. Come sempre ci facciamo notare, quando iniziano le regate che contano.

Tra atleti e master metteremo in acqua 9 singoli, 12 doppi, 8 quattro di coppia e 4 otto.

In bacheca o sul sito www.invernosulpo.it troverete i numeri di partenza gli orari e il percorso

Come sempre al termine della regata verranno pubblicate le terribili pagelle su ogni componente o su ogni equipaggio, redatte dal  cattivissimo inviato: "Lo Sceriffo di Nottingham".

Si ricorda a tutti che è obbligatorio aver la visita medica rinnovata. (telefonate a Betta Brugo per sapere la vostra posizione).

Per Domenica ricordarsi di prenotare se decidete di femarvi a pranzo- 0116699219.

 
01/01/2010 - BUON ANNO - 2010 Stampa E-mail

 

2010-2010-2010-2010-2010-2010

Carissimi soci Buon Anno. Se guardate la galleria fotografica vedrete dove l'Armida inizia questo nuovo decennio: sul Nilo !

Al Cairo lungo le sponde di questo fiume millenario carico di storia e anche di canottaggio, sono state poste le basi per un gemellaggio con l'Egyptian Rowing Club, e con la ferma speranza di andare a regattare sul Nilo. Esistono come vedete dalle foto parecchie società di canottaggio e le regate si svolgono sia al Cairo che ad Alessandria d'Egitto. Con l'allenatore del Egyptian Rowing Club ( il nome non lo trascrivo poichè è di difficile traduzione! )  abbiamo discusso sulla possibilità di organizzare una regata per Dicembre 2010. Abbiamo avuto l'assicurazione che non esiste il pericolo di incontrare dei .....coccodrilli e la temperatura a dicembre si aggira sui 25/26 gradi.

Vi ricordo le prossime regate:

12/13 febbraio : D' Inverno sul Po ( otto M/F, quattro di coppia M/F doppio M/S e singolo M/F ) alla domenica solo l'otto.

7 marzo : Memorial Angelo Villa sul lago D'Orta singolo M/F

20/21 marzo : Amsterdam otto M/F quattro con F

Ringraziamo tutti i soci che hanno partecipato al Mercatino di Natale, dove con il ricavato della vendita benefica, abbiamo comperato un singolo adaptive.

Buon Anno

 
02/12/2009 - REGATA ADAPTIVE ROWING 2009 Stampa E-mail

 

 

Il freddo nrrorrrrn ferma gli Adaptive a Torino

TORINO, 01 dicembre 2009 - Una giornata uggiosa ma senza pioggia ha accolto i quasi settanta atleti che hanno partecipato domenica scorsa al 2° Meeting Nazionale Adaptive Rowing – Waiting for London 2012. Come da previsione, alcune tra le più importanti società remiere del panorama paralimpico italiano si sono confrontate in gare promozionali di 500 m e gare nazionali di 1000 m.

Nelle gare promozionali in quattro con, vittoria dell’equipaggio dell’Esperia con a bordo Matteo Giacone, Umberto Renato, Matteo Bongi, Gianmarco Graglia e al timone Antonella Cordero: poi il CUS Torino (Andrea Appendino, Alessandro Rossi, Enzo Castelluzzo, Enrico Agnelli e timoniere Caterina Tipanu) e il giovane equipaggio di casa (Marta Casetta, Lorenzo Cupolino, Francesca D’Emilio, Nicole El haddad e timoniere Olga Jorio Fili).

La finale a cinque imbarcazioni dei doppi ha registrato l’avvincente chiusura dell’dell’Esperia (Alessandro Varesano e Matteo Bongi) sull’Armida (Giovanni Pepino e Giorgio Crast): staccato il CUS Torino, giunto terzo con Niccolò Ghirardi e Andrea Ronco con quarto e quinto Cus Torino 2 e Flora.

Presente al completo la Nazionale in raduno federale sul lago di Varese nelle gare nazionali.

Cominciando dal singolo AS (braccia e spalle), si è assistito alla vittoria del singolista della Canottieri Flora di Cremona Efrem Morelli su Francesco Picoco dei Vigili del Fuoco Carrino di Brindisi e Luca Paiardi, neo sculler della Canottieri Armida. I primi due atleti hanno confermato la loro buona preparazione dando vita ad una prova avvincente e combattuta.

In acqua anche l’equipaggio federale del doppio TA (busto e braccia), composto da Silvia De Maria (Caprera) e Massimo Spolon (C.Gavirate).

Poi spazio a jole e gig a 4 ed è proprio il giovane e agguerrito equipaggio misto Armida-Flora (Silvia Battaglio (Armida), Sara Kobal (Armida), Mattia Vitali (Armida), Michele Frosi (Flora) e Martina Margaria al timone) a vincere in gig a 4; a seguire Gavirate 1 (Giorgia Indelicato, Federico Bianchi, Ilaria Primon, Marco Lucchina, tim.Federica Rovera) e Gavirate 2 (Orazio Vergerio, Stefano Cremona, Donato Dalù, Mauro Maccando, timoniere Vittorio Bolis).Quarto il giovane equipaggio misto Flora-Armida (Francesco Aglio (Flora), Lorenzo Sforza (Armida), Manuel Vaccaro (Armida), Andrea Serafini (Armida), Filippo Cardellino (tim) (Armida).

La finale dei quattro con timoniere è andata all’equipaggio federale, composto dai tre olimpionici Luca Agoletto (Aniene), Daniele Signore (Flora) e Alessandro Franzetti (Gavirate) e da Mahila Di Battista (Gavirate) e Andrea Palantrani (Aniene): seconda piazza per l’equipaggio misto Gavirate – Arolo composto da Elisabetta Tieghi (C.Gavirate), Francesco Borsani (C.Gavirate), Carlo Dal Verme (C.Gavirate), Matteo Brunengo (Arolo) e Rovera Federica (tim) (C.Gavirate) e dall’armo di casa, composto da Sergio Prelato, Roberto Vallero, Alberto Prudenzano, Patrizia  Palozzi e Emma Stella e Francesca D’Emilio (timoniera) tesserati per l’Armida e facenti parte della Polisportiva UIC Onlus.

Sotto un tendone gremito di persone si sono svolte le premiazioni effettuate dal VicePresidente della FIC Stefano Comellini , in un clima di gioia e di sana sportività.

Il Trofeo “Waiting for London 2012” messo in palio dalla Polisportiva UICI Onlus è andato alla società Canottieri Gavirate per la società prima classificata ed è stato consegnato direttamente dal presidente della Polisportiva UICI Giuseppe Valentini.

“Un ringraziamento particolare a Cristina Ansaldi, organizzatrice e promotrice della manifestazione, a Paola Grizzetti, Direttore Tecnico Federale del settore Adaptive Rowing e Allenatore della Canottieri Gavirate, al Comitato Piemontese di Canottaggio ai Giudici Arbitri e allo Speaker Marzio Rasini – è il commento del Presidente dell’Armida Favero - I ringraziamenti vanno anche a tutto lo staff di soci e volontari dell’Armida e ai tifosi presenti,che hanno appoggiato e sostenuto la manifestazione nonostante il tempo freddo e umido. Inoltre si ringrazia la Compagnia di San Paolo per il sostegno all’evento”.

 
<< Inizio < Prec. 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 Succ. > Fine >>

Pagina 47 di 60