youtube facebook flickr twitter vimeo
Home Pararowing

Login



Feed

Arpa Piemonte
Sito Ufficiale dell'Arpa Piemonte
SanPaolo2
rotary


Pararowing
La vigilia della Rowing for Tokyo! Stampa E-mail
-1: siamo arrivati alla vigilia, finalmente, del grande appuntamento di domani, manca davvero pochissimo. La valanga della Rowing for Tokyo - Paralympic Games 2020 scenderà in acqua a partire dalle 10 per riempire di Sport, quello con la S maiuscola, un sabato che si preannuncia davvero ricco ed emozionante; uno dei momenti più attesi sarà sicuramente quello della sfida tra gli equipaggi 8+:  Open Mind e Non Vedenti Armida, Master e Canottieri Caprera. Ad arricchire di significato la performance sarà la presenza, per la prima volta in assoluto, di Peppiniello Di Capua come timoniere del team Open Mind. È finalmente arrivata anche la lista definitiva degli iscritti: tra le società partecipanti segnaliamo Gavirate, Lario, Flora, Tevere Remo, Velocior La Spezia, La Missione Sportiva di Sarzana, Caprera e Armida. I nostri portacolori saranno: Lanfranco, Tarulli, Zanin, Antonietti, Mailander, Mastroberardino, Casetta, Borgialli, Picco, Lodigiani, Cupolino, Serafino, Martins, Tamietto, Pressenda, Corniglia, Giacone, Castelluzzo, Bongiovanni, Bianchi, Fornaro, Ricciard, Megna, Pioltelli, Merlo, Quagliano, El Laban, Schiavoni, Condello, Miola, Bovolenta, Pomero, Cardellino, Chelaru, D'Errico, Faiella, Rastrelli, Rossi, Sforza, Vaccaro, Di Capua, Rilli, Varesano, Campra, Stella, Prelato, Bregolin, Grilli, Dapretto, Martelli, Cernuschi, Ottino, Milli, Icardi, D'Emilio.
 
Come anticipato dal post di ieri mattina, la Società Canottieri Armida è orgogliosa dei risultati fin qui ottenuti ma guarda al futuro con rinnovata ambizione, come testimoniato dalla lettera di incoraggiamento pre-regata scritta dal Presidente Gian Luigi Favero ad atleti, squadre, istituzioni ed organi d'informazione: «Le condizioni del fiume dei giorni passati ci hanno indotto a ridurre il tenore della regata, benché avessimo la conferma di partecipazione da parte di diverse nazionali straniere. Rimandiamo l’incontro con questi grandi atleti ad ottobre 2017, siamo in ogni caso sicuri che ci saranno le condizioni affinché tutti gli atleti presenti si divertano remando sul nostro meraviglioso Po. Guardando all’anno prossimo, puntiamo a far crescere un evento, la Para-Rowing Regata, in cui crediamo e che rappresenta il fiore all’occhiello della Canottieri Armida. Dopo ben quindici anni di attività con atleti con disabilità intellettivo-relazionale (Para-Rowing e Special Olympics), atleti con disabilità sensoriale e fisica, siamo ormai all’avanguardia nel mondo del canottaggio per tutti; questo lo si evince chiaramente dagli articoli della World Rowing Federation che parlano dell’Armida e dei suoi equipaggi 8+ Open Mind, 8+ non vedenti e Armida Dream. Pertanto guardiamo al futuro con nuovi e ambiziosi obiettivi: oltre alle regate degli anni passati puntiamo alle più rinomate Head of the River a Londra, Head Of The Charles a Boston e, perché no, alla Henley Royal Regatta».
 
A noi non resta che invitarvi al Valentino, in Viale Virgilio 45, a passare una bella giornata all'aria aperta in compagnia di persone ed atleti straordinari, vi aspettiamo!
 
Tutto Pronto per la ROWING FOR TOKYO! Stampa E-mail

I giorni passano e ci stiamo velocemente avvicinando a uno degli eventi più attesi in casa Armida: la Rowing for Tokyo - Paralympic Games 2020, regata che, lo sottolineiamo ancora una volta, coinvolge atleti con disabilità fisica, sensoriale e intellettivo/relazionale, tutti uniti nella grande famiglia del para-rowing. Fondamentale, per la perfetta riuscita dell'evento, è ancora una volta la sinergia con la Federazione Italiana Canottaggio - Piemonte, con il Comitato Italiano Paralimpico - Piemonte e con Special Olympics Italia. Oggi scenderemo nei dettagli della manifestazione, focalizzando la nostra attenzione sul programma della giornata e sui partecipanti. Prima di iniziare, però, vogliamo ricordare il significato profondo che rende speciale Rowing for Tokyo e tutta l'attività di para-rowing di Armida: far incontrare atleti di ogni età, livello ed esperienza per consolidare i grandi risultati fin qui ottenuti ed eventualmente formare i campioni di domani. Le premesse ci sono, non ci resta che continuare così...

 

La giornata, come già anticipato nel precedente post, si svilupperà in due parti: al mattino scenderanno in acqua gli atleti con disabilità intellettiva Special Olympics mentre nel pomeriggio toccherà ai fisici, sensoriali e intellettivi classificati nelle categorie paralimpiche. Un succoso intermezzo verrà offerto all'ora di pranzo con una gara speciale, interamente targata Armida: la "Special President Cup", che vedrà affrontarsi, in una sfida senza esclusione di colpi, atleti, soci, volontari e chi più ne ha più ne metta. Anche quest'anno, nonostante il "forfait forzato" delle squadre straniere a causa della questione alghe, siamo comunque riusciti ad avere un immenso bacino di iscritti: più di duecento, suddivisi tra diverse regioni come Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Toscana e Veneto; tra loro, avremo l'onore di avere anche due grandi promesse come i nazionali Davide Dapretto (nostro portacolori) e Anila Hoxha.

 

Un pensiero speciale, se ce lo permettete, vorremmo dedicarlo ad una delle nostre eccellenze: il team 8+ Open Mind, che con l'8+ Non Vedenti ha ricevuto più di un elogio da parte della World Rowing Federation e diverse attenzioni a livello internazionale. La partecipazione alle grandi regate in giro per l'Europa non è stato e non sarà un caso isolato, abbiamo grandi progetti per il futuro che vi sveleremo solo nelle prossime puntate. A tal proposito, in chiusura di regata è prevista una sfida a a quattro tra i due equipaggi Armida, un 8+ master e un 8+ degli altri circoli del Po.

 

Di seguito, il programma dettagliato:

 

Ore 9.30 Sfilata team Special Olympics

Ore 10 Inizio evento Special Olympics

Ore 12 Special President Cup

Ore 12.30 Premiazioni evento Special Olympics

Ore 13 Pausa pranzo

Ore 14.30 Gare promo 2x e 1x 250m

Ore 15 Gare 1000m  LTA, LTA ID, TA, AS e gare indoor remoergometro

Ore 16.30 Gare promo 250m 8+

Ore 17 Premiazioni evento

Ore 19.30 Aperi-cena con premiazione atleti paralimpici

 

Vi aspettiamo, per gli ultimissimi aggiornamenti, alla vigilia della Rowing for Tokyo!

 
-5 alla 11^ ed. della Para-Rowing Regatta Trofeo ROWING FOR TOKYO 2020 Stampa E-mail

Il conto alla rovescia è partito, manca solo una settimana all'undicesima edizione di Rowing for Tokyo 2020 - Paralympic Games, appuntamento ormai tradizionale che vede impegnata la Società Canottieri Armida nell'organizzazione di una grande regata sul Po che ha come protagonisti atleti con disabilità fisiche, intellettive e relazionali. Passano gli anni, cambia (per forza di cose) il nome della manifestazione, ma quel che non può cambiare è la nostra forza di volontà nel promuovere il para-rowing sia a livello nazionale che internazionale.

 

Nemmeno le alghe, endemiche o tropicali che siano, sono riuscite a fermarci: quella che, fino a poche settimane fa, sembrava un'impresa impossibile, è riuscita a realizzarsi. La regata si farà, nonostante i dubbi degli ultimi giorni, ma verrà accorpata in una giornata unica, prevista per sabato 15 ottobre (dalle 10 alle 18 circa), come deciso dal nostro Presidente Gian Luigi Favero. Da Pechino a Londra, passando per Rio de Janeiro, Rowing for Tokyo 2020 - Paralympic Games rappresenta un'altra tappa fondamentale nel riconoscimento del canottaggio come disciplina ideale per la crescita individuale e relazionale delle persone con disabilità.

 

La giornata sarà suddivisa in due parti: al mattino si disputeranno le gare riservate agli atleti Special Olympics, mentre al pomeriggio scenderanno in acqua i protagonisti del para-rowing, con la chiusura promozionale dedicata agli equipaggi 8+, compreso il nostro fiore all'occhiello rappresentato dall'Open Mind. Dopo le premiazioni, previste per le 17, spazio per una grande festa dedicata alla premiazione degli atleti piemontesi che hanno partecipato alle Paralimpiadi di Rio. Anche la Federazione Italiana Canottaggio, come sempre attenta alle nostre iniziative, ha dato il proprio supporto: saranno presenti il Consigliere Federale e già Campione Olimpico Rossano Galtarossa, il Capo Settore Dario Naccari e il mitico timoniere azzurro Peppiniello Di Capua, che da qualche hanno ha sposato la causa del para-rowing.

 

Rowing for Tokyo 2020 - Paralympic Games è organizzata con il contributo di Compagnia di San Paolo, Banca Fideuram, Rotary Club Torino Castello, Torino Europea e Torino Val Sangone, Rotaract Torino Castello e Torino Val Sangone, Suzuki Marine, Fasano Automobili e Robe di Kappa. La manifestazione ha ottenuto, inoltre, il patrocinio di Regione Piemonte e Città Metropolitana di Torino; durante l'arco dell'intera giornata daranno il proprio supporto Croce Rossa Italiana e Vigili del Fuoco con tanto di pattuglia fluviale.

 

Non perdete, sempre su questo sito, gli aggiornamenti che pubblicheremo nei prossimi giorni...

 

Stay tuned!

 
Grande chiusura sul Po per Rowing For Rio Stampa E-mail

alt

 

 

Tanta gente si è accalcata sulle rive del Po per la giornata conclusiva di Rowing For Rio. La mattinata è stata aperta dalla sfida tra Politecnico e Università, rinviata ad inizio mese a causa del maltempo. Un duello terminato in parità con il successo dell’Università nell’8 maschile, portandosi così sul 12-7 nel computo storico, e del Politecnico nel quattro di coppia femminile. A questo link potete trovare il comunicato completo a cura del Cus Torino: http://www.custorino.it/NewsSelezionata.aspx?LV=0&ID_COMUNICATO=7685&ID=159

 

Dopodiché, il palcoscenico è stato tutto del para-rowing, per un’intensa mattinata di gare. Ad assistere alla manifestazione, assieme al presidente del Comitato Regionale Stefano Mossino e al numero uno della Canottieri Armida Gian Luigi Favero, c’erano anche l’assessore allo Sport della Regione Piemonte Giovanni Maria Ferraris e il consigliere federale plurimedagliato olimpico Rossano Galtarossa.

 

«L’Armida e le altre società torinesi, assieme al Gavirate stanno facendo grandi cose, contribuendo allo sviluppo del settore para-rowing in tutta Italia – ha dichiarato il responsabile della Nazionale azzurra, Dario Naccari -.  Il settore paralimpico è un faro del nostro movimento remiero ed è un esempio per i giovani: non faccio proclami per la Paralimpiade di Rio, ma dico solo che spero di portare il vessillo tricolore sempre più in alto». Gli ha fatto eco l’icona del remo Galtarossa, oramai parte attivissima nel para-rowing: «È davvero fantastico che tre barche si siano già qualificate all’appuntamento dell’anno venturo che chiude un quadriennio e ad aprile nella gara internazionale di Gavirate cerchiamo di fare pokerissimo, sperando di centrare il pass paralimpico anche con il 2x TA».

 

Grande atmosfera sin dalla prima finale del 4+ LTA Mix, con il successo per l’equipaggio della Nazionale azzurra, timonato dall’eterno Giuseppe “Peppiniello” Di Capua, e composto da Paola Protopapa, Luca Lunghi, Clarice Cloutier e Daniel Lazzaj in 3:49:09 davanti all’equipaggio misto composto da Ettore Vanoli (Gavirate), Caterina Cavuoti (Gavirate), Giuseppe Condello (Armida) e Flavio Mahara Hettiarachchighe (Idoscalo), che ha completato i 1000 in programma col tempo di 4:39:80.

 

Poi è stata la volta dei singoli.  Nella gara dell’AS femminile, gran riscontro cronometrico per Eleonora De Paolis (CC Napoli), autrice di un ottimo 5:03:31. Nell’AS maschile, primo posto per Fabrizio Caselli (SC Firenze) in 4:04:31, davanti a Davide Dapretto (Armida) e Gereab Mariam Tewodros (Bracciano), mentre nel TA maschile il primo posto è stato ad appannaggio di Daniele Stefanoni (CC Aniene) in 2:59:84.

 

 

Nella prima finale del 4 GIG LTA ID Mix, vittoria di Armida 1 (Umberto Giacone, Giovanni Rastrelli, Matteo Bianchi e Margherita Merlo timonati da Filippo Cardellino), mentre nella seconda si è imposta Gavirate 2 (Andrea Naccarella, Simone Corazza, Vanni Cannito ed Emilie Eden Tollefsen timonati da Gianfranco Bianchi). La terza ed ultima finale è stata vinta dall’equipaggio di Gavirate composto da Francesco Borsani, Carlo Dal Verme, Serena Giorgetti ed Elisabetta Tieghi con Gianfranco Bianchi quale timoniere.

 

Tifo da stadio anche nelle sentitissime sfide al remoegometro, tenutesi durante le batterie in acqua. Chiusura scoppiettante con le gare promozionali del doppio e dell’otto. Grande spettacolo in quest’ultima con quattro colorati equipaggi in acqua: un otto della Nazionale azzurra di para-rowing timonato ancora una volta da Di Capua e con a bordo il sempre verde Galtarossa, il celeberrimo 8+ Open Mind dell’Armida con un’intrusa d’eccezione quale la giornalista de La Stampa Giorgia Garberoglio, un equipaggio para-rowing di Gavirate, e l’Otto Rosa composto dalle atlete Master Armida. A vincere sono stati gli azzurri di Di Capua, già prontissimo per la nuova sfida paralimpica che lo aspetta in Brasile: «È dal 2013 che abbiamo cominciato quest’avventura col para-rowing e per me è stata davvero una spinta positiva. Spero di trasmettere la mia lunga esperienza a tutta la squadra, che mi sta permettendo di continuare nello sport che amo e di inseguire ottimi risultati, utili a far crescere tutto il settore».

 

Ad aggiudicarsi l’edizione 2015 del trofeo Rowing for Rio è stata Gavirate con 57 punti, davanti ai padroni di casa dell’Armida (48 punti) e ai lombardi della Lario (8 punti). Premio speciale del Rotary per Eleonora De Paolis come atleta proveniente da più lontano, mentre Paola Protopapa ha ritirato il Trofeo Compagnia di San Paolo consegnato al primo 4+ LTA Mix. La Banca Fideuram ha incoronato, invece, la società di Gavirate per aver creato il primo 4 GIG LTA ID Mix.

 

«È stata una festa completa del canottaggio e voglio ringraziare tutte le società che ci hanno onorato della loro presenza – ha dichiarato il presidente dell’Armida, Gian Luigi Favero -. Faccio un grandissimo in bocca al lupo agli equipaggi azzurri che saranno protagonisti nel settembre 2016 in Brasile e li aspetto a braccia aperte, assieme a tante altre realtà, all’edizione numero undici della nostra regata paralimpica che, per ovvie ragioni, sarà già proiettata al 2020: Rowing for Tokyo».

 
Prime gare sul Po per la decima Rowing for Rio, domani in gara il mitico Peppiniello Di Capua Stampa E-mail